195 Views

25 Giugno 2021
Turismo: vacanze vicino a casa per 1 su 3, borghi, segnali incoraggianti in Lunigiana

Vacanze vicino a casa, in regione, per 1 apuano su 3 (33%). Il 6% andrà invece all’estero mentre il resto si recherà in una regione diversa da quella di residenza. E’ quanto emerge dalla prima indagine Coldiretti-Ixe’ sulle vacanze degli italiani al tempo della pandemia, in riferimento al passaggio di quasi tutta l’Italia in zona bianca anti-Covid e l’attesa della decisione sull’obbligo di mascherina all’aperto. Città d’arte, borghi, montagna, campagna e agriturismi con la Lunigiana in pole position sono le mete nella top dei desideri per il 25% dei vacanzieri. “I segnali sono incoraggianti. Molto meglio, in questa prima fase, la ristorazione tipica nelle strutture autorizzate. Il mese di giugno, anche per i pernottamenti, se pur concentrati nei soli weekend, è fino qui incoraggiante. – analizza Francesca Ferrari, Presidente Coldiretti Massa Carrara – Il desiderio di una vacanza è percettibile. Mancano ancora del tutto, o quasi gli stranieri, che in Lunigiana rappresentano una parte molto importante. Parliamo di 30-35 mila su circa 100 mila totali nelle strutture extralberghiere. Vogliamo essere fiduciosi per i mesi di luglio, agosto e settembre. Il piano vaccinale, unito al green pass, sono determinanti per la programmazione delle vacanze”.

Ma torniamo all’indagine di Coldiretti. Oltre sei italiani su dieci (63%) sono disposti a spostare le ferie pur di farsi iniettare la prima o la seconda dose di vaccino, con la paura per il Covid che è più forte della voglia di relax. La tutela della salute resta la priorità degli italiani con solo il 23% di italiani che preferisce rimandare il vaccino pur di godersi le ferie, mentre il restante 8% è indeciso.  Resta il fatto che l’emergenza Covid ha condizionato quest’anno la scelta del luogo di quasi un italiano su due (49%) che va in vacanza secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat. Non a caso ben il 33% dei vacanzieri resterà all’interno della propria regione.

A confermare una tendenza alla cautela rispetto ai rischi di assembramenti e contagi, tra le mete privilegiate ci sono quest’anno – conclude Coldiretti – le strutture agrituristiche che, spesso situate in zone isolate della campagna in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche secondo Terranostra e Campagna Amica. Sono un centinaio nella Provincia di Massa Carrara.

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi