68 Views

2 Ottobre 2011
SAN FRANCESCO: LABORATORI DIDATTICI E GLI ANIMALI DELLA FATTORIA, IN PIAZZA MERCURIO LO SHOW DI COLDIRETTI

Mini corsi per imparare i segreti del miele e del formaggio, laboratori didattici, i simpatici animali della fattoria, il mercato di Campagna Amica con i prodotti locali e gli immancabili panigacci della Lunigiana. Coldiretti invade Piazza Mercurio portando, come da tradizione, in occasione della Festa di San Francesco in programma martedì 4 ottobre, tutte le sfumature dell’agricoltura locale: filiera corta, vendita diretta, didattica, sostenibilità, trasparenza, tracciabilità e naturalmente i sapori del territorio. Spazio anche alla solidarietà: i proventi delle degustazione dei panigacci, gettonatissimi ogni anno, saranno devoluti alla mensa dei poveri di Massa. Gusto e beneficenza: anche questo è il San Francesco di Coldiretti.
Un’edizione speciale che segna il debutto, in Piazza Mercurio, cuore pulsante di tutte le attività dell’organizzazione agricole, dei laboratori didattici dedicati in particolare ai bambini (e agli adulti) dove sarà possibile scoprire tutti i segreti delle operose api con l’ausilio delle arnie e degli attrezzi del mestiere, e ancora, come si fa il formaggio, un altro dei prodotti di punta del paniere apuo-lunigianese. I laboratori saranno tenuti – e questa è l’altra curiosità - dagli agricoltori.
“Otto bambini su dieci – spiega Francesco Ciarrocchi, Direttore Provinciale Coldiretti lanciando il carnet di iniziative - non sono mai entrati in una stalla per vedere personalmente come si ottiene il latte che viene servito loro a colazione ogni giorno. Non hanno mai visto come si coltiva un orto, come si raccoglie il miele e come si fa il formaggio e non hanno mai “munto” una mucca. Gli unici animali che hanno visto dal vivo sono quelli del circo o dello zoo. L’obiettivo di delle fattorie didattiche e dei laboratori che quest’anno abbiamo deciso di portare in Piazza Mercurio in occasione di questa bellissima festa della città nasce naturalmente dalla volontà di far conoscere ai bambini l’agricoltura portando la campagna e i suoi protagonisti fino in città”.
Un modo semplice e diretto per svelare uno dei moderni volti dell’agricoltura e per presentare alcune delle attività dei “laboratori del divertimento” – come sono stati ribattezzati: aziende agricole “attrezzate” per intrattenere ed educare i bambini, indirizzandoli verso una cultura del cibo sano e locale, e valori come benessere, qualità della vita e tutela dell’ambiente.
“Nelle scorse settimane abbiamo chiesto ufficialmente alla Regione Toscana di istituire l’albo delle fattorie didattiche – spiega Vincenzo Tongiani, Presidente Provinciale Coldiretti – perché siamo convinti che sia un ulteriore strumento di reddito e di animazione.  L’albo è uno strumento indispensabile per le aziende agricole che esercitano questa attività; infatti possono beneficiare dell'esenzione dell'Iva sulle prestazioni didattiche svolte solo le imprese che hanno ottenuto l'apposito riconoscimento da parte dell'amministrazione competente. L’obiettivo delle fattorie didattiche –prosegue Tongiani - è quello di far conoscere le molteplici attività che si svolgono nelle aziende agricole. Il caso degli agriturismi è emblematico: sempre più famiglie con figli, in particolare stranieri, scelgono strutture che offrono anche attività didattico-ricreative. E’ una tendenza in crescita. Le fattorie didattiche sono uno stimolo e un valore aggiunto per chi cerca, insieme alla campagna e a luoghi unici, la possibilità di vivere veramente i ritmi dell’agricoltura”.
Ad accompagnare lo show dell’agricoltura l’immancabile fattoria abitata dalla pecora massese, dalla capra apuana, da vitellini e asinelli, e persino da galline, oche e conigli a raccontare i tempi dell’aia con le sue fatiche e le sue gioie. E il mercato esclusivo degli agricoltori di Campagna Amica dove sarà possibile fare la spesa a km zero: qualità e prezzo è questa la regola. I prodotti? Ortaggi e frutta rigorosamente di stagione e fresca, olio e vino di Candia, confetture e prodotti apiari, formaggi e salumi e chi più ne ha più ne metta.
Piccoli e grandi eventi che confermano, insieme all’impegno di Coldiretti, la vitalità e la vivacità dell’agricoltura apuana protagonista dentro e fuori dalla campagna.

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi