82 Views

26 Aprile 2010
MIELE: DOP LUNIGIANA, PIU’ CONTROLLI SULLA FILIERA

 Il Miele Dop della Lunigiana unico Consorzio del miele Italiano a beneficiare del contributo per la valorizzazione e la tutela del marchio. A riconoscere la leadership nazionale al pregiato prodotto delle api della Lunigiana, il MIPAAF, il Ministero della politiche agricole e forestali attraverso il decreto ministeriale n. 15266 del 127/10 /2009, che permetterà al Consorzio di tutela del Miele Dop della Lunigiana, l’unico in Italia con la denominazione di origine controllata, di aumentare ulteriormente i controlli sulla filiera, già per altro molto costanti, e garantire, come sempre è stato fatto, un prodotto di eccellenza. Una notizia che è stata ascolta con soddisfazione dal Consorzio e dalla Coldiretti Provinciale, tra i primi sostenitori dell’iter che ha portato, nel 2004, al riconoscimento della certificazione. Un settore, quello del miele, che è notevolmente cresciuto. Un dato su tutti: dal 2004, anno di nascita del Consorzio, le aziende aderenti sono passate da 23 alle attuali 66 dislocate tutte in Lunigiana. Sono oltre 5 mila le arnie per una produzione che di attesta, annualmente, intorno alle 130 tonnellate di prodotto certificato. “Il Consorzio è cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi anni – spiega Andrea Guidarelli, Presidente del Consorzio di tutela – per effetto della certificazione che ha garantito, ai produttori, una quotazione del prodotto Dop sul mercato nettamente più alta rispetto alle altre categorie commerciali. Un fatto che ha invogliato e incentivato, chi produce miele, a seguire il percorso della certificazione, che non è certo semplice. La disciplinare è molto rigida e gli standard altissimi. Attualmente il miele Dop di “Acacia” e “Castagno” viene venduto mediamente a 12 euro al chilogrammo. Non è stato un percorso facile ma oggi l’immagine del miele prodotto in Lunigiana è consolidata e il consumatore identifica nel nostro Dop l’eccellenza nazionale”. Il contributo ministeriale va nella direzione di “rafforzare l’immagine del miele come prodotto legato alla sicurezza ed alla genuinità intensificando – spiega ancora Guidarelli - le azioni rivolte a tutelare la qualità dei nostro miele, accreditandone le proprietà peculiari  in risposta alla competizione di mieli di importazione che rappresentano oramai oltre il 50% del consumo nazionale. Per fortuna, per il miele Dop non è una minaccia seria, e siamo stati toccati marginalmente. Rappresentiamo il vero Made in Italy del miele”.
 

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi