79 Views

22 Aprile 2010
AGRITURISMO: RISTORAZIONE TIPICA, INSPIEGABILE PRESA POSIZIONE CONFCOMMERCIO-CONFESERCENTI

Ristorazione tipica negli agriturismi lunigianesi: inspiegabile presa di posizione di Confcommercio e Confesercenti che hanno deciso, dopo l’approvazione della Regione Toscana delle modifiche “restrittive” della legge 30/03 e del relativo regolamento attuativo, di ingaggiare battaglia contro il nuovo quadro normativo di riferimento per le attività agrituristiche della Toscana. Sono un centinaio quelle interessate nella sola Provincia di Massa Carrara concentrate, per due terzi, nella Lunigiana. Allo sfogo della Coldiretti regionale fa eco la federazione provinciale apuana che ironizzando sottolinea come “l’agriturismo ha il privilegio di dover servire, per legge, solo piatti toscani autentici, preparati con alimenti di origine certa e documentata. E, sempre per legge, ha anche il privilegio di sottoporsi a controlli certi e severi. “E’ una decisione che ci ha sorpreso – commenta Vincenzo Tongiani, Presidente Provinciale Coldiretti - tanto più che entrambe le associazioni hanno partecipato attivamente a ogni fase della concertazione, suggerendo modifiche e integrazioni che, in gran parte sono state accolte e hanno contribuito a migliorare l’articolato. Riteniamo infatti, che introdurre per legge alcuni obblighi servirà  a elevare complessivamente la qualità dell’offerta agrituristica toscana nell’interesse dei consumatori”. Secondo Coldiretti non c’è nessun tipo di conflitto. Al contrario “la ristorazione tipica negli agriturismi contribuirà al volano turistico ed enogastronomico”. L’organizzazione inoltre ricorda che “le aziende agrituristiche osservano le  regole imposte a tutti gli esercizi aperti al pubblico: da quelle igienico sanitarie a quelle volte a tutelare la sicurezza e la privacy degli ospiti. Sono tenute a comunicare le presenze e a pagare le medesime imposte. Hanno necessità di sottoporsi alla formazione obbligatoria e ad adottare manuali di autocontrollo per la manipolazione e trasformazione degli alimenti e la conduzione degli impianti natatori. In più, devono conservare e dimostrare la prevalenza dell’attività agricola e possono svolgere attività connesse solo se dispongono di immobili adeguati: nelle campagne infatti come tutti sanno è vietato edificare nuovi volumi”.
 
Per informazioni contattare la segreteria Coldiretti allo 0585-43852  oppure scrivendo a massacarrara@coldiretti.it

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi