89 Views

15 Gennaio 2010
AGRICOLTURA: S. ANTONIO ABATE, LA TRADIZIONALE FESTA DEGLI ANIMALI AL SANTUARIO DEI QUERCIOLI

Tradizionale appuntamento con la Festa di Sant’Antonio Abate e con la benedizione degli animali domestici domenica 17 gennaio al Santuario della Madonna dei Quercioli. Una festa per l’agricoltura e della zootecnica provinciale che quest’anno avrà, tra gli obiettivi, quello di raccogliere fondi per contribuire alla ricostruzione dell’abitazione della famiglia Alberti, storica dinastia di allevatori di Forno, che hanno perso la loro casa durante l’incendio di novembre. Nell’occasione era stato divorato dalle fiamme anche il piccolo laboratorio dove Rolando Alberti, 38 anni, uno degli ultimi allevatori di capra apuana, produce i suoi famosi formaggi.
La Festa, ormai un vero e proprio evento per centinaia di famiglie della città, organizzato dal Consiglio Parrocchiale del Santuario guidato dal Parroco Mario Amadi in collaborazione con Coldiretti (www.massacarrara.coldiretti.it), e il patrocinio della Provincia di Massa Carrara, Comune di Massa, Camera di Commercio di Massa Carrara, e Banca Apuana, è l’occasione (in pochi Comuni toscani si celebra questa ricorrenza), per famiglie, ed in particolare per i bambini, di far benedire i piccoli animali domestici come gatti, cani, pesciolini, uccellini, piccoli rettili, maialini e caprette. La Santa Messa è in programma nella piazza di fronte al Santuario alle ore 10 e sarà celebrata dal Parroco.
Tra le novità: il percorso per i cani. Una dimostrazione pratica di addestramento con un’esperta e il mercato della filiera corta nella piazzetta dove sarà possibile acquistare i prodotti tipici del territorio. Ma sarà soprattutto un momento per aprire le stalle anche per il mondo dell’agricoltura di Coldiretti, presente come sempre con gli animali simbolo della fatica dei campi e dell’aia come mucche, pecore, cavalli, galline e cavalli. “Una festa – ha spiegato il Parroco Mario Amadi “per consolidare l’armonia tra il mondo animale e gli uomini, e per educare le giovani generazioni al rispetto. Una festa per gli agricoltori e per gli allevatori; una festa di popolo come amo chiamarla, per incoraggiare chi lavora i campi e fargli sentire il nostro apprezzamento e ammirazione. Da sei anni organizziamo questo evento, ed è un crescendo costante”. Un appuntamento che coinvolge tutta una comunità e i giovanissimi che saranno protagonisti di un mini-tour nelle stalle”. Tra le finalità anche quella solidarietà. “La raccolta fondi – spiega Vincenzo Tongiani, Presidente Provinciale Coldiretti – è un’iniziativa spontanea della nostra organizzazione a cui speriamo, e ci auguriamo, parteciperanno tutti gli abitanti della città, non necessariamente agricoltori, le istituzioni e gli enti locali. La famiglia Alberti, ed in particolare Rolando, rappresentano per la prosecuzione del patrimonio zootecnico locale, una risorsa preziosa. Attraverso il suo lavoro la capra apuana ha un futuro che è già molto difficile senza questa situazione che ha danneggiato enormemente la famiglia”. Oggi la popolazione di capra apuana si è praticamente dimezzata superando di poco i 400 capi (produzione media degli ultimi tre intorno ai 3.300 Kg di carne). Otto gli allevatori che se ne prendono cura concentrati tra Forno, Resceto e Gronda. Uno di questi otto allevatori coraggiosi è proprio Rolando, detto “Il Giovane”. Tongiani infine ringrazia la comunità per farsi promotrice dell’appuntamento: “Senza il loro prezioso contributo e organizzazione non sarebbe possibile. Questa non è solo più la festa degli allevatori, ma di un’intera comunità”.
Infine il pranzo sociale aperto al pubblico. Per prenotazioni 0585-790544.

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi