290 Views

22 Settembre 2022
ENERGIA: TSUNAMI BOLLETTE, IN PROVINCIA AUMENTO PIU’ ALTO PER LUCE E GAS (+84,6)

Bollette di luce e gas da record a Massa Carrara. La provincia apuana è al primo posto in Toscana per l’inflazione energetica (+84,6%). E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti Massa Carrara sui dati Istat relativi all’inflazione ad agosto rispetto allo stesso mese dell’anno precedente che fa registrare anche una forte accelerazione dei prezzi delle bollette energetiche a livello regionale (+83,7%). Ma mai così alto come in quello della provincia di Massa Carrara dove all’inizio dell’anno indice si era attestato sul + 58,3%. Oggi è ben 26,3 punti percentuali in più.

Prosegue inarrestabile la corsa dei prezzi nella provincia di Massa Carrara dove l’inflazione generale, che misura l’aumento prolungato del livello medio generali dei prezzi di beni e servizi in un determinato periodo di tempo, si è attestata al 7,9% inferiore quindi alla media regionale (+8,6%). In salita, ma più bassa, anche l’inflazione dei prodotti alimentari (11,2%) che è però quasi triplicata dall’inizio dell’anno in corso. La conseguenza dell’aumento del prezzi di pane, pasta, latte, carne ed altri prodotti di prima necessità ha spinto più di un consumatore su due (51%) a tagliare la spesa nel carrello. Tra i prodotti più penalizzati ci sono frutta e verdura i cui acquisti sono crollati dell’11% in quantità rispetto allo scorso anno. I consumatori hanno infatti ridotto del 16% le quantità di zucchine, del 12% i pomodori, del 9% le patate, del 7% le carote e del 4% le insalate, mentre per la frutta si evidenzia addirittura un calo dell’8% per gli acquisti di arance. Cresce solo la quarta gamma, come le insalate in busta, le cui vendite nei primi 6 mesi del 2022 sono salite del 7% sullo stesso periodo del 2021.

IL SERVIZIO DI RTV 38

Se i prezzi per le famiglie corrono l’aumento dei costi colpisce duramente l’intera filiera agroalimentare a partire dalle campagne – denuncia Coldiretti Massa Carrara – dove più di 1 azienda agricola su 10 (13%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività ma ben oltre 1/3 del totale nazionale (38%) si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dei rincari, secondo il Crea. In agricoltura si registrano infatti aumenti dei costi che vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi al +129% per il gasolio. Ad aggravare ulteriormente lo scenario l’esplosione delle bollette, anche più che triplicate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno ragione che stanno costringendo le imprese a rivedere i loro piani per i prossimi mesi.

“L’estensione della riduzione dei costi del gasolio per le imprese della pesca e agricole fino alla fine dell’anno come avevamo richiesto, insieme al credito di imposta per i costi energetici e del gas ai quali accedono anche le imprese agricole è un primo passo. – conclude il Presidente di Coldiretti Massa Carrara, Francesca Ferrari – L’altro è quello di ridurre la dipendenza dall’estero e lavorare da subito per accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali”.

L’inflazione a Massa Carrara ad agosto

  Inflazione generale Inflazione prodotti alimentari Inflazione gas, luce e altri combustibili
Massa Carrara 7,9 11,2 84,6
Toscana 8,6 10,7 83,7
Italia 8,4 10,7 76,4

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi